Raggiungere il Parco

Il Parco è un grande territorio naturale protetto: ha confini segnalati da paline, ma non ha porte né recinzioni ed è aperto tutto l'anno, 24 ore su 24 (i suoi uffici sono aperti invece solo in settimana).

Nella stagione invernale, dopo le nevicate, la strada asfaltata che dalla Certosa di Pesio conduce a Pian delle Gorre è chiusa per il forte rischio valanghe. Pian delle Gorre è raggiungibile a piedi, con gli sci da fondo o con le racchette da neve sul versante orografico opposto, partendo dal Villaggio d'Ardua.
Prima di partire è sempre bene consultare il sito o la pagina FB dell'Ente, scrivere o telefonare per avere informazioni sull'accessibilità dell'alta Valle Pesio.
I rifugi dell'area Parco chiudono in autunno e riaprono in primavera.



In auto

Dalla Pianura Padana

In entrambi i casi, l'accesso più diretto al Parco è l'autostrada Torino-Savona (A6). Per l'alta Valle Tanaro si esce al casello di Ceva e si prosegue imboccando a destra la SS 28 per Garessio-Ormea-Carnino-Upega. Per la Valle Pesio si esce al casello di Mondovì e si prosegue in direzione Cuneo, per poi svoltare a Pianfei e raggiungere Chiusa Pesio, all'imbocco della Valle omonima, che si risale lungo fino alla Certosa di Santa Maria (parcheggio gratuito) e alla radura del Pian delle Gorre (parcheggio a pagamento durante la stagione estiva).



In treno

Dalla Pianura Padana

Per l'alta Val Tanaro: scendere alla stazione di Ceva, per la Valle Pesio, scendere alla stazione di Mondovì.



In autobus



In taxi



In aereo

Gli scali internazionali per raggiungere le Alpi Marittime serviti dalle principali compagnie aeree sono Torino-Caselle e di Nizza (Francia).
In località Levaldigi si trova l'Aeroporto internazionale Cuneo presso il quale fanno scalo alcune compagnie low cost.