Ente di gestione Aree protette delle Alpi Marittime
bb
           
Ignora collegamenti di navigazione

La traversata alpi del mare

La traversata alpi del mare

Questo itinerario, tra i più spettacolari delle Alpi, parte dalla Certosa di Pesio, nel cuore del Parco naturale del Marguareis ed in 7 tappe raggiunge il mare attraversando alcuni tra i luoghi più belli delle Alpi Occidentali come il massiccio del Marguareis, il bosco delle Navette e il canyon del rio Barbaria. Quello che però rende unico questo percorso è il passaggio sul “Sentiero degli Alpini”, un sentiero militare completamente scavato nella roccia a cavallo tra Francia e Italia, sulle pendici dei monti Toraggio e Pietravecchia che offre scorci ed emozioni irripetibili.

Prima Tappa - Dalla Certosa di Pesio al Rifugio Garelli

Dalla Certosa di Pesio al Rifugio Garelli

Dal piazzale della Certosa di Pesio (845 m) si attraversa il ponte a sinistra e si seguono le indicazioniper il percorso naturalistico, sentiero alternativo alla strada asfaltata. Dopo aver attraversato più volte il torrente Pesio ed alcune aree attrezzate si raggiunge il rifugio Pian delle Gorre(1000 m), situato nella bella radura tra i boschi di abete bianco e punto di partenza per varie escursioni.

Si procede sulla strada sterrata posta a sinistra del rifugio per circa 1,5 km seguendo le indicazioni per il Rifugio Garelli. Al termine della sterrata(1170m) si svolta a sinistra e si sale lungo il sentiero ripido fino al Gias Sottano di Sestrera(1340m) dove, svoltando a sinistra, si continua nel bosco fino a raggiungere Gias Soprano di Sestrera(1845m) per proseguire fino al Rifugio Garelli (1965m)ai piedi delle strapiombanti pareti calcaree del Massiccio del Marguareis.

Dislivello totale: 1.200 m circa - Tempo di percorrenza: 4 ore circa

Posto Tappa Convenzionato: Rifugio Garelli

Seconda Tappa - Dal Rifugio Garelli al Rifugio Don Barbera

Dal Rifugio Garelli al Rifugio Don Barbera

Si lascia il rifugio Garelli in direzione del Colle di Porta Sestrera (2230m) raggiungibile in 45 minuti. Dal Colle si prosegue in direzione Colle del Pas, tralasciando il bivio a destra che porta al Rifugio Mondovì, e si procede a sx verso il lago della  Ratoira (2205m), dopo un’ora circa si raggiunge il Colle del Pas (2350m). Da qui si scende leggermente e, dopo un lungo sentiero in saliscendi, passando per il Passo della Croce ( 2145m), si raggiunge il vallone della Chiusetta. Dopo circa 1 ora e 15 minuti si arriva al rifugio Don Barbera (2080m) situato in prossimità del Colle dei Signori (2100 m).

Dislivello totale: 600 m circa - Tempo di percorrenza: 4 ore circa

Posto Tappa Convenzionato: Rifugio Don Barbera

Terza Tappa - Dal Colle dei Signori al Rifugio Sanremo

Dal Colle dei Signori al Rifugio Sanremo

Dal Colle dei Signori (2100 m) si imbocca il sentiero che si allontana a destra dalla strada militare

seguendo le indicazioni per il Colle di Selle Vecchie (2095m) raggiungibile in 30 minuti. Dal Colle di

Selle Vecchie si tiene il sentiero principale che segue la cresta e passa al Colle del Vescovo (2160m),

da dove si ha una bella veduta del paese di Tenda in Valle Roja. Prima di giungere al Monte

Beltrand, il sentiero svolta a sinistra (2405m) e, costeggiando le pendici del monte, giunge a Colla

Rossa (2170m, 1 ora e 30’) che prende il nome dal colore delle rocce friabili locali. Da Colla Rossa

si prosegue a mezzacosta attraversando i pascoli e i larici del bosco delle Navette sino a giungere dopo circa 1 ora e 30’ al Passo di Tanarello (2040m) dove passa la strada proveniente da La Brigue. Il nostro itinerario prosegue sul sentiero di cresta che ci porta in cima al Monte Saccarello (2200m), crocevia tra Piemonte, Francia e Liguria. Da qui si segue la strada sterrata che passa nei pressi dell’imponente statua del Redentore e degli impianti sciistici di Monesi, da dove si possono scorgere, a destra, i suggestivi villaggi di Realdo e Verdeggia: quindi si raggiunge il piccolo Rifugio Sanremo (2055m) non custodito (ritirare chiavi presso i rifugi Don Barbera e Allavena).

Dislivello totale: 700 m circa - Tempo di percorrenza: 6 ore circa

Posti Tappa Convenzionati: Rifugio Sanremo – Albergo Vecchia partenza Monesi-rifugio realdo- B&B Verdeggia

Quarta Tappa - dal Rifugio Sanremo al Rifugio Allavena

dal Rifugio Sanremo al Rifugio Allavena

Dal Rifugio Sanremo si prosegue in cresta fino al Passo di Garlenda (2015m) dove, tramite un ripido sentiero, si scende fino alla strada che porta al passo della guardia (1490m). Si segue la strada sterrata fino al Passo di Collardente (1600m) e qui, seguendo sempre la strada sterrata, si giunge al quadrivio in Loc. Bassa di Sanson (1705m). Si prosegue seguendo le indicazioni dell’Alta Via dei Monti Liguri Colla Melosa fino al campo fortificato della Cima di Marta (2135m). Si ritorna sulla rotabile ed una volta giunti in prossimità del Rifugio Grai (2010m), ubicato in una vecchia caserma militare, si imbocca il sentiero che scende alla Colla Melosa (1540m) evitando i tornanti della via militare.

Dislivello totale: 300 m circa - Tempo dipercorrenza: 5 ore circa

Posti Tappa Convenzionati: Rifugio Allavena- albergo ristorante Colle Melosa

Variante per Triora - Dal Rifugio Sanremo si può optare di scendere a Triora seguendo le indicazioni per il Passo Garlenda e poi Passo della Guardia. Da qui si segue la sterrata per Triora per poi svoltare a sinistra in direzione Goina. Da Goina si può raggiungere direttamente Triora o seguire le indicazioni per Vignago e poi per Corte. Da qui si raggiunge Molini di Triora, dove un bel sentiero porta in salita al paese di Triora.

Posto Tappa Convenzionato : Albergo Santo Spirito Molini di Triora

Quinta Tappa - dalla Colla Melosa al Passo di Gouta lungo il Sentiero degli Alpini

dalla Colla Melosa al Passo di Gouta lungo il Sentiero degli Alpini

Dalla Colla Melosa si segue in salita la strada militare sino al primo tornante (1550m) dove comincia il Sentiero degli Alpini, strabiliante percorso scavato nella roccia nel periodo tra le due guerre mondiali. Si percorre il primo tratto sul versante italiano fino alla Gola dell’Incisa (1685m) dove si gode un magnifico panorama sul sottostante Vallone della Bendola, affluente del Roja. Si prosegue sul versante francese da dove si scende e si raggiunge il Colle del Corvo (1405m). Da qui si può optare sul sentiero francese più lungo ma più spettacolare oppure sulla strada più agevole del versante italiano. Entrambi i sentieri portano al Passo Muratone (1160m) da dove seguendo la strada sterrata si arriva fino al rifugio posto al Passo di Gouta (1215m).

Dislivello totale: 500 m circa - Tempo di percorrenza: 7 ore circa

Posto Tappa: Rifugio Ristorante Gola di Gouta (Pigna)

Sesta Tappa - Dal Passo di Gouta a Rocchetta Nervina

Dal Passo di Gouta a Rocchetta Nervina

Dal Passo di Gouta si segue la strada sterrata e le indicazioni dell’Alta Via dei Monti Liguri fino al poggio panoramico nei pressi del Rifugio Pau (1150m). Dopo poco  si imbocca il sentiero a sinistra che scende ripido fino al Rio Barbaria. Si attraversa il rio su un bel ponte romanico (560m) e si segue il sentiero che costeggia il torrente fino al borgo di Rocchetta Nervina (220m).

Dislivello totale: nullo - Tempo di percorrenza: 3 ore circa

Posto Tappa Convenzionato: Ostello Parco  Alpi Liguri  e Albergo Lago Bin

Variante per il Monte Alto - Volendo scendere più rapidamente a Rocchetta Nervina si possono seguire le indicazioni presso il prato antistante il rifugio di Gouta che conducono al Monte Alto e che poi con un bel sentiero raggiungono il fondovalle del Rio Barbaria, dove si incrocia il sentiero che porta a Rocchetta Nervina.

Settima Tappa - Da Rocchetta Nervina a Ventimiglia

Da Rocchetta Nervina a Ventimiglia

Da Rocchetta Nervina si imbocca il sentiero che parte dal parcheggio all’inizio del paese e che risale ripido fino a incrociare nuovamente la strada militare ( 780m) dove passa l’Alta Via dei MontiLiguri. Da qui si seguono le indicazioni dell’Alta Via che percorre il crinale tra Valle Roja e Valle Nervia passando per il passo del cane (560m) e la colla (430m), seguendo le indicazioni dell’alta via dei Monti Liguri, con numerosi saliscendi, si arriva alla Madonna della Neve (360m) e quindi si raggiunge la stazione ferroviaria di Ventimiglia.

Dislivello totale: 800 m circa - Tempo di percorrenza: 5 ore circa

Variante per Airole - Giunti in prossimità del Monte Abellio è possibile imboccare il sentiero che svolta a destra e conduce in discesa fino al suggestivo Borgo di Airole. Da qui è possibile raggiungere il mare utilizzando il treno.

Scopri il parco
Map  Meteo  WebCam  WebCam  Flickr  Pdf Map
Ospitalità e Ristorazione
Rifugio Piero Garelli
Rifugio Piero Garelli
Chiusa Di Pesio
Località Pian del Lupo
Tel: 0171738078
Pizzeria Annalisa
Pizzeria Annalisa
Chiusa Di Pesio
Regione Mortè
Tel: 0171734390
Community
  Facebook    Twitter    Skype    Info    Contatti
 
REGISTRATI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Nome
Cognome
Email
Tipologia Utente
Nazione