Ente di gestione Aree protette delle Alpi Marittime
bb
           
Ignora collegamenti di navigazione

La via romana del Sale

Antico itinerario di collegamento tra Piemonte e Liguria utilizzato, già in periodo romano, per gli scambi commerciali e per la relativa  facilità di transito. Le merci principali scambiate tra Piemonte e Liguria erano il sale, l’olio ma anche vino, aceto e cereali. L’impegnativo itinerario parte dalla Valle Ellero e attraverso il passo delle Saline valica le Alpi per giungere fino alle spiagge di S. Stefano al mare.

Le Tappe :
  1. Rastello - Upega Tempo 8 h; dislivello 1400 m/dislivello in discesa 1000 m.
  2. Upega - Mendatica Tempo 6 ore dislivello 700 m/dislivello in discesa 1000m.
  3. Mendatica - S. Bernardo di Conio. Tempo 8 h; dislivello 1000 m/dislivello in discesa 700m.
  4. S. Bernardo di Conio - S. Stefano al Mare  8 h; dislivello 300 m/dislivello in discesa 1400 m.

Prima tappa

Prima tappa: Rastello - Upega

Da Rastello (826m) ha inizio quello che rimane del tracciato di origini romane che ci accompagna per una buona mezz’ora per poi far posto al nuovo tracciato della rotabile che conduce al Pian Marchisa (1635m).

Si attraversa il pianoro, passando nei pressi del Rifugio Mondovì Havis de Giorgio e si segue la strada che attraversa gli alpeggi del Gias Pracanton. Dopo 2 tornanti si lascia la strada per imboccare il sentiero che conduce a passo delle Saline (2175m).

Inizia da qui la discesa sul ripido sentiero che passa nella gola delle saline per pii giungere al bivio di Tetti Donzelle (1515m). In breve tempo raggiungiamo il borgo di Carnino Inferiore (1392 m), transitiamo di fianco alla chiesetta e, su sentiero naturalistico, si raggiunge la sottostante strada asfaltata. Siamo in Valle del Negrone, un affluente del Fiume Tanaro(1215m).

Percorriamo la strada, ricavata nella roccia, ai margini della spettacolare Gola delle Fascette ed in breve raggiungiamo Upega (1280 m) frazione del Comune di Briga Alta.

Posto Tappa: Rifugio la Locanda d’Upega  email:locanda.upega@gmail.com   tel: 0174/390401

Seconda tappa

Seconda tappa: Upega - Mendatica

Si prende il sentiero che dal campeggio ci porta al Colletto delle Salse (1585 m). Da qui, attraversata la carrozzabile, si percorre la strada sterrata che raggiunge prima l'abitato di Valcona Soprana (1407 m) e quindi il vicino caratteristico borgo di Valcona Sottana (1235 m).

Da qui con rapida discesa raggiungiamo il torrente che si attraversa grazie ad un ponte di legno. Costeggiamo quindi il torrente fino a raggiungere il Ponte Tanarello (1042 m), di origini medioevali, costruzione di notevole pregio e di grande importanza per le antiche vie commerciali e per la transumanza. Nelle vicinanze si trova un altro bel ponte ad arco in pietra. Attraversato il Ponte Tanarello, si prosegue ora in salita fino a raggiungere la Colla di San Bernardo di Mendatica (1263 m).

Superato l’incrocio davanti all’Hotel Ristorante, si segue un sentiero in costante discesa fino a raggiungere il paese di Mendatica (814 m), crocevia storica per varie ed importanti vie comunicazione come la Via Marenca medioevale, assimilabile ad un’antichissima via di crinale già usata dalle genti liguri prima della colonizzazione romana.

Posto Tappa convenzionato: Albergo S.Bernardo da Settimia  Tel. e fax: 0183.328724            

email gandowal@virgilio.it

Terza tappa

Terza tappa: Mendatica - San Bernardo di Conio

Si riprende la camminata su strada asfaltata in direzione di Montegrosso Pian Latte, strada che si abbandona dopo qualche centinaio di metri per raggiungere la chiesetta di S.Margherita. A fianco di questa ha inizio il sentiero che ci porta a fiancheggiare le cascate del torrente Arroscia.

Attraversando in faticosa salita il versante boscoso, si raggiunge il borgo di Case Fascei (1256 m).

Superato questo borgo si riprende a risalire il bosco fino a quando ha termine nei pressi della Malga Pian del Latte. Da qui, su carrareccia, si scavalca il “Passo Pian del latte” (1764 m), punto più alto della tappa.

Raggiungiamo l'ampio “Passo Mezzaluna” (1454 m), e ancora il “Passo Teglia”, fino a giungere nei pressi del “Monte Grande” (1418 m)

Con sentiero totalmente in discesa si raggiunge l’abitato di S.Bernardo di Conio (991 m), Comune di Borgomaro, dov’è previsto il termine della tappa.

Posto tappa ippovia: 0183/54571   email:info@comune.borgomaro.im.it

Casa Vacanze Prati Piani email : info@pratipiani.com   tel: 3336379371

Quarta tappa

Quarta tappa: San Bernardo di Conio - Santo Stefano al Mare

Si risale su asfalto fino al Colle d’Oggia (1167 m), quindi su sentiero che con leggeri saliscendi raggiunge il Passo di Conio (1023 m), il Passo del Maro (1064 m) e il Passo di Villatalla (1094 m).

Transitati dal Passo delle Tavole (1047 m)  e si discende fino al Passo di Vena (968 m). Qui il sentiero diventa nuovamente una carrareccia sterrata che ci porta al Passo Bastia (767 m).

Poco oltre si riprende il sentiero e, transitati a fianco del Monte Follia (1031 m), si  scende  alla sottostante piccola Cappella di San Salvatore e si prosegue a sinistra verso il Monte Croce (677 m), ultima cima del percorso.

Da qui, su spettacolare sentiero selciato, si raggiunge la Cappella di San Bernardo (389 m), il sentiero attraversa i terrazzamenti di ulivi fino alle prime case del Comune di Pompeiana (200 m), dai caratteristici carruggi tenuti a nuovo. Da questo ridente abitato si percorrono gli ultimi 2 chilometri che ci separano dal mare.

Scopri il parco
Map  Meteo  WebCam  WebCam  Flickr  Pdf Map
Ospitalità e Ristorazione
Agriturismo del tiglio
Agriturismo del tiglio
Ormea
Frazione Viozene
Tel: 0174390116
Bar Ludoteca A' Pres
Bar Ludoteca A' Pres
Chiusa Di Pesio
Via Circonvallazione Vigne
Tel: 0171734182
Community
  Facebook    Twitter    Skype    Info    Contatti
 
REGISTRATI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Nome
Cognome
Email
Tipologia Utente
Nazione